Birrificio Rurale

Birrificio Rurale S.r.l.

Il Birrificio Rurale nasce nel 2009 dall'idea di Lorenzo Guarino, Giuseppe Serafini, Silvio Coppelli, Stefano Carnelli e Marco Caccia, quattro appassionati homebrewers e un sommelier conosciutisi sia partecipando a diversi concorsi che attorno alle iniziative del Birrificio Italiano. Il birrificio nasce cercando di inserirlo in un contesto rurale, da qui il nome del birrificio, per evidenziare la stretto rapporto che la birra ha con l'ambiente e la terra che ne fornisce le materie prime, selezionate con meticolosa attenzione. I cinque individuano la location perfetta a Certosa di Pavia e realizzano l'impianto all'interno di un vecchio silos precedentemente utilizzato per la conservazione dei cereali. La struttura viene suddivisa su tre livelli che, dall'alto verso il basso, riflettono la sequenza del processo produttivo. Al piano superiore trovano spazio il mulino e il magazzino delle materie prime (con ovvie difficoltà nel trasportarvi i sacchi di malto), nel piano centrale il cuore dell'impianto produttivo e al piano inferiore il magazzino del prodotto finito.

Questa location romantica e suggestiva è risultata funzionale per un primo periodo, soprattutto in considerazione del fatto che i soci producevano solamente nel week end e nel tempo libero, mantenendo ciascuno la propria occupazione principale. Nel 2012 però si manifestano le prime esigenze di ampliamento per garantire un prodotto di qualità superiore, ponendo estrema cura nella scelta degli ingredienti, nella messa a punto delle ricette, nel pieno controllo del processo di produzione, il tutto attraverso un severo controllo delle norme igieniche e delle condizioni di conservazione. Il 18 maggio 2013 viene inaugurata la nuova sede di Desio, in provincia di Monza e Brianza, che è molto più funzionale della precedente. Nel frattempo il birraio Lorenzo Guarino ha lasciato la sua occupazione per dedicarsi anima e corpo a questa attività e nel 2012 Luca Franceschi è entrato in società: questi,  grafico pubblicitario, si presentò mettendo in evidenza come le etichette non fossero all'altezza del prodotto e convincendoli ad intraprendere una decisa azione di restyling. Quando gli fu chiesto quanto volesse per il lavoro svolto, propose di poter entrare in società. 

Visualizzati 1-3 su 3 articoli