Ritual Lab

Ritual Lab Barleyway s.r.l.

La storia di Ritual Lab inizia nel 2008 quando Roberto e Giovanni Faenza, padre e figlio, uno amante del buon bere e del buon mangiare l’altro sommelier pignolo e perfezionista, incontrano la “vera birra” ed è subito amore: corsi, seminari, visite a birrifici inizia così una grande passione verso un nuovo mondo. Nel 2010, partecipando ad un corso sulla produzione della birra entrano in contatto con Emilio Maddalozzo, grande mastro birraio diplomato presso la prestigiosa Doemens di Monaco con più di 40 anni di carriera brassicola alle spalle. Giovanni lo segue giorno e notte ed a lui deve la sua formazione brassicola, l’amore per la Germania e per le birre “pulite”.

Nel 2011 nasce il Ritual Lab, piccolo impianto da 100l curato sotto ogni aspetto, con lo scopo di fare formazione e sperimentazione. In questo periodo nascono le bozze delle prime ricette e avviene la sperimentazione più disparata e varia: spezie, frutta, caffè, piante e radici anni di divertimento e studio. La passione diventa sempre più grande, ed il “gioco” sempre più impegnativo. Nel 2013 le ricette ormai provate e riprovate finalmente sono pronte per il mercato, il Ritual Lab da laboratorio di formazione diventa un vero e proprio centro di ricerca con il fine di creare nuove ricette destinate al mercato italiano ed estero. Il punto comune, la qualità senza alcun compromesso.Inizia così il progetto Beer Firm con la prima produzione ufficiale: la Ritual Pils. Nel 2014 la linea viene completata affiancando alla Ritual Pils la Super Lemon Ale e la Bock.

Il 2015 è anno di svolta: insieme all’amico di una vita Edoardo Ribeca, si decide di aprire il  birrificio a Formello nella provincia di Roma: Impianto da 12hl, imbottigliatrice isobarica, impianto ad osmosi inversa e controllo totale delle acque, cantina di fermentazione da 50 HL. Nel 2016 arrivano riconoscimenti, concorsi vinti, inviti ad eventi nazionali ed internazionali: la cantina di fermentazioni raddoppia ed arriva a 100HL. La famiglia Ritual diventa sempre più numerosa e la voglia di brassare qualcosa di speciale e fuori dagli schemi è sempre più forte, nascono così la Tupamaros e la Nerd Choice due birre estreme ma equilibrate , modaiole ma concrete.

Nel 2017 Giovanni Faenza ha vinto il prestigioso premio di Birraio Emergente dell'anno e nel 2018 si classificato secondo tra i grandi alle spalle di Marco Valeriani del Birrificio Hammer.

Visualizzati 1-1 su 1 articoli