Cerca

Filtra per

Prezzo
4 5
Nazione
Vedi di più Chiudi
Birrificio
Vedi di più Chiudi
Tipo fermentazione
Vedi di più Chiudi
Stile
Vedi di più Chiudi
Gusto prevalente
Vedi di più Chiudi
Grado alcolico
5 .0% 8 .0%
Colore
Vedi di più Chiudi
Formato
Vedi di più Chiudi

Da fonti scritte norrene come l'Hávamál, seconda composizione dell'Edda poetica, sappiamo che in Svezia le popolazioni scandinave di queste aree erano solite produrre fermentate come l'idromele e una birra primordiale. Questa produzione è proseguita fino al XIX secolo per soddisfare le richieste delle popolazioni locali. La birra era bevanda per il consumo quotidiano e proprio per questo la maggior parte di quella disponibile aveva un grado alcolico molto contenuto ma in occasione delle festività si brassava una birra più corposa e strutturata. Con l'avvento dell'industrializzazione questa produzione rurale venne man mano abbandonata e in ogni città sorse un birrificio dimensionato per soddisfare le richieste delle persone che cominciavano ad abbandonare le campagne. A inizio XX secolo iniziò un processo di aggregazione tra produttori che si concluse verso il 1980 con il mercato in mano a tre colossi (Pripps, Spendrups e Falcon) e la chiusura di tante piccole attività artigianali con la conseguente standardizzazione dei prodotti che, come nel resto del mondo, si è incentrata sulle lager. Fortunatamente anche in Svezia negli anni '90 si è affermato il movimento craft che ha portato ad una gran differenziazione ai prodotti disponibili: ad oggi sono oltre 200 i birrifici artigianali attivi in Svezia.

Svezia

Visualizzati 1-5 su 5 articoli

Filtri attivi